25 Novembre 2020
Notizie

“Giornata della memoria “ degli studenti degli Istituti Superiori di Volterra

03-02-2020 07:12 - I.I.S. G. Carducci
“La vostra, anzi nostra, città è carica di memorie antiche e recenti, quindi forse uno dei luoghi migliori per celebrare la Giornata della Memoria”. Parla in prima persona, da cittadina di Volterra, la senatrice a vita Liliana Segre, che in una lettera ha voluto ringraziare i ragazzi intenti a celebrare la Giornata della Memoria al cinema Centrale di Volterra lo scorso 24 gennaio. L’occasione era la proiezione del bel film Vera - Nunca màs el silencio (Vera – Mai più silenzio) in presenza della regista argentina Manuela Irianni, del rappresentante dell’Anpi Volterra, Ascanio Bernardeschi, e della consigliera comunale Vania Baroncini.
Presenti gli alunni di cinque classi dell’ITCG Niccolini e tre classi dei licei dell’Istituto Carducci, rappresentati per l’occasione dalla studentessa Hajar Hcine. Si deve proprio all’iniziativa degli studenti questo “ponte della memoria” che, mettendo in comunicazione la memoria di due grandi drammi del secolo scorso, hanno fatto da ponte ideale fra due grandi personalità come Segre e Vera Jarac, protagonista del documentario che ha voluto, anch’essa, scrivere ai ragazzi in occasione della proiezione. Un ricordo della tragedia della Shoah e degli altri drammi che razzismo, indifferenza, nazismo e fascismi di ogni risma e periodo hanno seminato nel Novecento, espresso in video dalla voce di Vera, fondatrice del movimento argentino delle Madri di Plaza de Mayo, che da decenni lavorano ad una meticolosa ricostruzione della verità sui desaparecidos della dittatura militare che insanguinò il paese negli anni ’70 e non solo. Italiana ed ebrea, nata a Milano nel 1928, Vera scappò con la famiglia in Argentina per sfuggire alle leggi razziali. Suo nonno, Ettore Camerino, muore ad Auschwitz nel 1943. Sua figlia, Franca Jarach, viene invece assassinata dalla dittatura civile-militare argentina a Buenos Aires nel 1976, nei famigerati “voli della morte” sull’oceano. La storia personale di Vera si interseca, nel documentario realizzato dalla giovane regista, al discorso pronunciato dallo scrittore Julio Cortázar al Colloquio di Parigi del 1981 (“Negazione dell’oblio”), e alle testimonianze di dodici persone che condividono con lei aspetti della loro identità. Un modo nuovo per trattare un triste fenomeno, quello dello sterminio, che come la protagonista del documentario dice a più riprese, “tristemente si ripete”.
La lettera di Liliana Segre
Giornata della Memoria 2020
(Comune di Volterra - 27 gennaio 2020)
“Saluto con vero piacere tutti i partecipanti alle commemorazioni del Giorno della Memoria 2020 nel comune di Volterra. Il vostro Comune mi ha onorato con la concessione della cittadinanza onoraria, quindi devo rivolgermi a voi con un sentito: care concittadine e cari concittadini. La vostra, anzi nostra, città è carica di memorie antiche e recenti, quindi forse uno dei luoghi migliori per celebrare la Giornata della Memoria. Appuntamento importante, non rituale, occasione in cui una intera comunità fa i conti con il passato e con un evento eccezionale come la tragedia della Shoah, cioè con il massacro di milioni di uomini, donne e bambini di origine ebraica nei campi di sterminio nazisti. Mai dimenticare le parole con le quali Primo Levi ci ha per sempre ammoniti: se quell’orrore è potuto accadere, allora il pericolo è sempre in agguato: odio, razzismo, antisemitismo, discriminazione, ingiustizia violenza, guerre, sono malattie anche del nostro tempo. Mai abbassare la guardia, mai voltare la testa dall’altra parte, mai cedere all’indifferenza. Nessuno più di me è sensibile al tema dell’indifferenza. Quando fu inaugurato il Memoriale della Shoah di Milano chiesi che fosse scolpita a caratteri cubitali proprio la parola “Indifferenza” sul muro del binario 21, quello da cui partivano i vagoni piombati verso i campi di sterminio nazisti. Quando infatti nel 1943 partimmo ammassati in un carro bestiame sentimmo su di noi proprio il vento gelido dell’indifferenza, la lontananza della nostra città e dei nostri concittadini. Indifferenza è quando nessuno ti parla, nessuno ti vede, nessuno ti pensa, nessuno ti aiuta, tutti voltano la testa dall’altra parte. E invece bisogna assolutamente conoscere, denunciare, reagire. I care come si dice in inglese, prendersi cura, interessarsi.
Buona Giornata della Memoria dunque e di nuovo un caro saluto a tutti voi.
Liliana Segre

[]
[]
ACCESSO RISERVATO
[]
[]
[]
[]
[]
L’Istituto Superiore di Sanità
all’interno del Dipartimento Malattie Infettive,
mette a disposizione i seguenti servizi:

· Il Telefono Verde AIDS e Infezioni Sessualmente Trasmesse - 800.861061

· Il Sito Uniti contro l’AIDS - www.uniticontrolaids.it


Office 365 Online
[]

www.ellegrafica.com - info@ellegrafica.com